Aspirazione ed abbattimento

Gli impianti centralizzati per l’aspirazione e l’abbattimento di nebbie oleose prodotte da macchine utensili di concezione solo apparentemente semplice richiedono invece accurato studio del progetto, impiego di apparecchiature affidabili e meticolosità nell’installazione. Mitec, grazie all’esperienza venticinquennale maturata, fornisce un prodotto di eccellenza non fine a se stessa ma come requisito indispensabile per un funzionamento senza riserve.
Al raggiungimento del risultato contribuiscono in particolare:

  • L’aspirazione nel vano macchina con bassa velocità locale per evitare la dannosa induzione nella presa di gocce grossolane di lubrorefrigerante.
  • L’impiego di stazioni demister, praticamente autopulenti, poste in prossimità delle macchine, che consentono la separazione immediata ed il recupero di gran parte del liquido, evitando il trascinamento dello stesso nei condotti ed il precoce sporcamente dei filtri posti nell’unità centrale.
  • Il generoso dimensionamento degli elementi filtranti posti nell’unità centrale, l’efficienza dei quali assicura sempre il rispetto delle norme più vincolanti in materia di emissione in atmosfera.
  • La possibilità di regolazione automatica della portata al variare del numero di utenze interessate e delle perdite di carico del sistema filtrante.
  • Il controllo funzionale dell’impianto con il monitoraggio in continuo delle portate e del grado di intasamento dei filtri con segnali eventualmente remotabili.

Aspetti costruttivi

La differenza tra un impianto pienamente corrispondente allo scopo ed uno mediocre sta nella progettazione e nella realizzazione anche dei particolari, spesso frettolosamente definiti dettagli.
Lo standard qualitativo generale è garantito innanzitutto dall’impiego di componentistica collaudata, esclusivamente di serie, ma anche da attenzione:

  • All’esecuzione di condotti a tenuta di liquido.
  • All’eliminazione di punti di accumulo di condensato lungo le linee.
  • Al drenaggio in continuo dei liquidi separati.
  • Alla silenziosità del sistema.
  • Alla regolazione puntuale delle portate.

Clima e recupero di calore

L’esperienza nel condizionamento di processo è messa a buon frutto per realizzare sistemi di compensazione dell’aria estratta con i quali si ristabiliscono le condizioni termo-bariche dei locali.

Di particolare attualità ed interesse è l’impiego di apparecchiature che consentono di recuperare l’energia insita negli aeriformi espulsi.
Con la tecnologia applicata il risparmio energetico può raggiungere valori sino al 70%, sfruttando non solo il recupero del calore sensibile dell’aria esausta ma anche la quota di latente dovuta all’elevata umidità relativa.

Per particolari esigenze di processo è possibile, dopo il recupero energetico, affinare le condizioni microclimatiche con precisione e controllare la contaminazione particellare impiegando filtri HEPA. Sistemi di diffusione, appositamente studiati, consentono di eliminare fastidiose turbolenze e di interessare omogeneamente i locali trattati.

Unità KOMBI

Le unità KOMBI sono una famiglia di apparecchiature appositamente progettate per il trattamento di aeriformi contenenti nebbie oleose.
Realizzate con pannelli autoportanti i in lamiera zincata e verniciata, complete di ampi portelli di manutenzione, dotate di guarnizioni ed altri accorgimenti per evitare trasudamenti, sono disponibili con o senza propulsore silenziato a bordo. La separazione delle microparticelle di lubrorefrigerante dall’aeriforme avviene nel passaggio attraverso quattro stadi di filtrazione ad effetto progressivo disposti con direzione di flusso favorevole al drenaggio naturale del liquido separato.